Il Carnevale di Ascoli

Pubblicato il da

ascoli-piazadelpopolo-carnevale“Semel in anno licet insanire” che tradotto vuol dire: una volta all’anno è lecito impazzire. L’Aforisma di Seneca è preso in parola dagli Ascolani che una volta all’anno “impazziscono” letteralmente per il Carnevale.

Per capire bene la tradizione ascolana occorre andare con ordine. Il Carnevale ad Ascoli Piceno non si riduce alla sola settimana precedente la Quaresima, ma parte da più lontano, precisamente dalla festa di sant’Antonio Abate, il 17 gennaio. L’allegria e la gioia dei canti di questua sono solo il preludio di quello che dovrà accadere da lì a qualche settimana. Le domeniche precedenti il Giovedì grasso sono denominate rispettivamente la domenica “degli amici” e la domenica “dei parenti”. Due giornate di festa dedicate al buon cibo in compagnia degli amici prima e dei parenti poi, in preparazione del vero divertimento.

Poi finalmente arriva il Carnevale che inizia il Giovedì grasso e si conclude il Martedì. Il centro del Carnevale di Ascoli Piceno è Piazza del Popolo. E’ proprio nel salotto cittadino che si concentrano le principali attività. Si comincia il giovedì grasso con sua Maestà il Re Carnevale che, assieme agli studenti delle scuole cittadine, dà simbolicamente inizio ai festeggiamenti. Il Carnevale raggiunge il suo apice nelle giornate di domenica e martedì. In questi due giorni Piazza del Popolo e le vie limitrofe sono prese d’assalto da migliaia di ascolani e forestieri desiderosi di vedere ed essere coinvolti dalle decine di gruppi mascherati o dalle singole macchiette che animano la piazza partecipando, tra l’altro, al Concorso indetto dal Comune di Ascoli Piceno che si tiene ininterrottamente dal 1958.

ascoli-carnevale

Il Carnevale di Ascoli non è solo satira e divertimento, ma anche gastronomia. Durante il periodo carnascialesco sono molti i Ristoranti ad Ascoli Piceno che propongono menù con le ricette della tradizione. Il piatto forte, a parte i dolci come le castagnole o i ravioli ripieni di castagna, sono i ravioli lessi di gallina avvolti nel formaggio pecorino e nella cannella.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *