Maltignano

Pubblicato il da

Uscendo dalla città di Ascoli e percorrendo una decina di chilometri verso est, si raggiunge Maltignano, il comune più meridionale delle Marche.
Storicamente Maltignano appare dopo la guerra sociale combattuta tra Ascoli alla guida dei popoli italici e Roma, tra il 90 e l’88 a.C. Con la vittoria di Roma, il Piceno passò alle dipendenze del Senato romano che vi istituì un duumvirato. Fu proprio un duumviro, Publio Maltino Basso, che diede il nome al territorio di Maltignano (ager maltineanus). Sulle carte il toponimo non comare prima del sec. VIII,grazie alla presunta donazione di Carlo Magno che ne fece una baronia capitolare. Il territorio rimase sotto il controllo del Capitolo della cattedrale ascolana fino al 1818. Il castello fu costruito probabilmente attorno all’anno mille, con l’esigenza di difendere il feudo. Nel sec. XVI, con la costruzione, attorno ad esso, delle prime case, il castello perse l’antica connotazione di baluardo di difesa e divenne parte integrande del caseggiato sviluppatosi in un più ampio cerchio di mura.
Oggi Maltignano conta circa 2500 abitanti distribuiti tra l’antico borgo, le moderne frazioni e la campagna circostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *