Montemonaco

Pubblicato il da

Uno dei principali centri montani del piceno è senz’altro Montemonaco, il più alto alto capoluogo comunale della provincia, posto a quasi 1000 metri d’altitudine.  Il nome viene fatto risalire ad un nucleo di monaci Benedettini stabilitisi nell’altipiano già dal VIII secolo. Fu nel XIII secolo che i feudatari dei vari centri rurali decisero di costituirsi in libero comune e costruire le alte mura in pietra intervallate da torrioni. Imponenti e fiere le mura di Montemonaco respinsero, nei secoli, vari tentativi di assedio da parte di Norcia, Montefortino, Amandola ed Arquata. Con il tempo l’importanza strategica di Montemonaco andò via via scemando e le antiche mura vennero lasciate all’incuria.
Non va dimenticato che Montemonaco è legato al mito della Sibilla e della sua mitica Grotta e per secoli ne è stato influenzato soprattutto per la presenza di avventurieri, alchimisti e negromanti, alla ricerca di quell’antico mito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *